Salta al contenuto principale

Nuova metodica per ?migliorare? i polmoni da trapiantare

E? stata presentata oggi una nuova metodica introdotta nelle sale operatorie del Papa Giovanni, con l?intento di aumentare il numero di polmoni idonei al trapianto. La novit? ? parte integrante di un protocollo di studio, avviato nei mesi scorsi all?ospedale di Bergamo destinato a dare un contributo importante alla conoscenza dei risultati, in termini di sicurezza ed efficacia, dell?applicazione di questa metodica, gi? in uso nei principali centri trapianto di Europa e Nord America e in alcuni centri italiani. ? La tecnica si chiama Ex Vivo Lung Perfusion (EVLP) e simula, prima del trapianto, le condizioni in cui l?organo si trova normalmente a lavorare nel corpo umano, cio? una temperatura di 37 gradi, con regolare circolo all?interno dei vasi (perfusione) e flusso di aria (ventilazione). Questa tecnica consente di superare il principale limite dell?ipotermia a 4?C, normalmente usata per la conservazione statica dell?organo nel lasso di tempo che trascorre dal prelievo dal cadavere del donatore al trapianto nel ricevente. L?ipotermia, se da un lato ? in grado di rallentare il danno ischemico dell?organo con un metodo semplice ed economico, dall?altro impedisce di valutare la funzionalit? dell?organo e di riparare eventuali danni riscontrati.? ? ?Il trapianto polmonare ? l?unica terapia salvavita per i pazienti affetti da insufficienza respiratoria terminale ? ha spiegato Michele Colledan, direttore del Dipartimento chirurgico del Papa Giovanni XXIII e responsabile del programma di trapianto polmonare -. Purtroppo lo scarto tra la disponibilit? di polmoni idonei al trapianto e le richieste ? pi? marcato che per altri organi. Questo perch? il polmone ? un organo delicato, che tende a deteriorarsi facilmente, per i meccanismi fisiopatologici che si instaurano con la morte cerebrale, ma anche per le necessarie manovre rianimatorie e per possibili infezioni. Questo deterioramento ci impone molto spesso ?di non prelevare i polmoni di donatori dei quali riusciamo invece a utilizzare altri organi?. ? In Italia, nel 2015, sono stati eseguiti 112 trapianti polmonari in 10 centri. Il tempo medio di attesa al trapianto ? risultato di 1 anno ed ? stata registrata una mortalit? in lista pari al 10.1%, la pi? elevata nell?ambito dei trapianti d?organo in Italia. Quest?ultimo dato acquista ancor pi? valore se si considera che la scarsit? di donatori adeguati incide sulla rigorosa restrizione dei criteri di inserimento in lista d?attesa, il che significa che la mortalit? in lista sottostima la reale entit? del problema. ? Al Papa Giovanni - tra i centri pi? attivi in Italia per i trapianti e pioniere con Michele Colledan nell?applicazione di tecniche innovative per aumentare la disponibilit? degli organi, come la divisione di un polmone per crearne due da trapiantare (split) - lo scorso anno sono stati eseguiti 12 trapianti polmonari, facendo di Bergamo il secondo centro in Lombardia. Un numero elevato nel panorama nazionale, ma piccolo se si considera che lo scorso anno al Papa Giovanni sono stati in totale 180 i trapianti di organi solidi. ? La possibilit? del trapianto con organi trattati con EVLP verr? proposta preliminarmente a tutti i candidati a trapianto di polmoni. La metodica verr? praticata sui polmoni di qualit? altrimenti non valutabile con sicurezza, ?da uno staff di chirurghi, anestesisti e perfusionisti, in sala operatoria, seguendo il cosiddetto ?Protocollo Toronto?, messo a punto dai colleghi dell?ospedale canadese, che per primi hanno utilizzato e studiato questa tecnica con ottimi risultati, tanto che nel 2013 hanno registrato un aumento del 28% dell?attivit? trapiantologica. ? I materiali che rendono possibile l?applicazione ?in sala operatoria di questa metodica sono stati acquistati anche grazie al sostegno di Brembo. ? ?E? con piacere che abbiamo aderito e sostenuto questa iniziativa, che siamo certi potr? essere d?aiuto a tante persone che necessitano di un trapianto polmonare - ha dichiarato Cristina Bombassei,?Corporate Social Responsibility Officer di Brembo -. Ci auguriamo che il nostro gesto possa essere d?ispirazione anche per altre aziende, affinch? diano il loro contributo alla ricerca.?? ? ?Questa metodica amplia la possibilit? d?azione del nostro Centro trapianti, punto di riferimento in Lombardia e in Italia ? ha sottolineato il direttore generale dell?Asst Papa Giovanni XXIII, Carlo Nicora -, grazie all?impegno dei nostri professionisti e alla generosit? di Brembo, che ci sostiene da tempo anche in ambito pediatrico?.