Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto


ROBERTO MAGGI


Attività lavorativa
Lavora nel reparto di Ortopedia e traumatologia dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII.

Formazione e specializzazioni
Laureato a pieni voti in Medicina e Chirurgia, si è specializzato in Ortopedia all' Università degli Studi di Milano. Affascinato dalla Chirurgia della Mano, ha approfondito le più varie problematiche della patologia dell'arto superiore in Italia, Francia, Inghilterra, Germania e Stati Uniti, partecipando costantemente negli anni a corsi di aggiornamento e di formazione. Ha partecipato a numerosi Meeting e Congressi Nazionali ed Internazionali come uditore e relatore.

Collaborazioni
É socio della SICM ed EWAS.
Ha stretto rapporti con i migliori esperti del settore a livello mondiale, soprattutto in ottica di collaborazione. Partecipa come membro attivo al Gruppo di Neuro-Ortopedia Italiano che si occupa di Chirurgia della Spasticità e della Teraplegia e al Gruppo Informatico della SICM, è a capo di un progetto innovativo. L' insegnamento di ogni tecnica appresa ai colleghi più giovani fa parte della sua etica professionale.

Principale casistica trattata
I suoi campi di interesse sono:
  • fratture, vizi di consolidazione, rigidità e deformità della mano, del polso e del gomito
  • pseudoartrosi
  • artrosi e artrite reumatoide
  • rotture delle unità muscolo-tendinee
  • patologie del SNP (Sindrome del Tunnel Carpale e Sindromi da compressione dei nervi dell' arto superiore)
  • spasticità e tetraplegia
  • malattia di Dupuytren
  • artroscopia
  • patologia tumorale
  • chirurgia protesica
Nella sua attività chirurgica utilizza tecnologie e tecniche innovative ed attuali, come materiale da impianto di ultima generazione, bisturi piezoelettrico, anestesia Wide Awake, strumenti da ingrandimento che gli permettono di eseguire interventi complessi e minimamente invasivi in anestesia locale e senza bracciale emostatico, anche su persone affette da altre malattie importanti.


Richiedi una visita con questo professionista in libera professione

Ultimo aggiornamento:
12 settembre 2019 15:54
Federica Belli - Ufficio comunicazione
comunicazione@asst-pg23.it