Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto


Centro per il bambino e la famiglia

Staff / Équipe :
FRANCESCA ARCAINI   -   MANUELA FORTE   -   GRAZIA NAVA   -   PATRIZIA PANZERI   -   GIULIANA PELLICCIOLI   -   PAOLO SCOTTI   -   MARIO ALEJANDRO VENERANDI   -  

Attività
Offriamo servizi specialistici per le famiglie in difficoltà, con particolare attenzione alle problematichedi violenza e abusi sui minori. Interveniamo in situazioni relazionali di alta conflittualità, di maltrattamento grave e in tutte le circostanze che rappresentano un serio rischio per la salute dei figli minorenni.
Sono inoltre attivi servizi di tipo preventivo, che consentono ai genitori d’intervenire precocemente per sostenere la salute psicologica dei loro figli, molti dei quali dal carattere tipicamente innovativo.
 
Chi siamo
Siamo psicologi, psicoterapeuti, mediatori familiari e consulenti, con formazione altamente specifica, in grado di garantire interventi qualificati per le famiglie in crisi e per la gestione delle conflittualità. 
Le persone che usufruiscono dei servizi del CBF provengono da Bergamo e provincia, ma anche da fuori provincia.
Siamo riconosciuti in Lombardia come polo di eccellenza e siamo partner della Regione in progetti pilota a rilevanza nazionale e internazionale per la prevenzione dell’abuso sessuale su minori e la stesura di linee guida sul tema.
Ci proponiamo di curare quelle componenti ‘malate’, soprattutto relazionali, che all’interno di una famiglia  potrebbero dar luogo a comportamenti limite ed imprevedibili. Si tratta di intervenire in modo non giudicante ma di ‘curare’, per evitare che la situazione degeneri ulteriormente
In questi ultimi anni, inoltre, il Centro ha sviluppato attività innovative orientate alla prevenzione e agli interventi precoci. 
Particolare attenzione è stata dedicata agli interventi di sostegno delle funzioni dei genitori nelle diverse fasi di vita della famiglia, per migliorarne le competenze e aiutarli a superare i momenti di difficoltà, nel convincimento che la famiglia può avere dei problemi ma anche le soluzioni.
 
Servizi per adulti, genitori e famiglie
Offriamo alle persone adulte una serie di servizi e tipologie d’intervento a sostegno di varie problematiche, per aiutarli a superare momenti di crisi all'interno della propria vita o nel loro nucleo familiare:
  • Colloqui psicologici clinici:è rivolto ai genitori dei bambini che hanno subito un'esperienza traumatica (quale un maltrattamento o un abuso) per aiutarli a rielaborare quanto accaduto e favorire la ricerca di soluzioni più adeguate per proteggere i figli dalle conseguenze negative degli episodi vissuti. L'obiettivo è analizzare le difficoltà relazionali emerse a causa dell'evento traumatico, nonché affrontare gli aspetti concreti ad esso connessi (percorso giudiziario, riorganizzazione del nucleo familiare, evoluzione fisiologica del minore…..).
  • Psicoterapia individuale
  • Terapia multifamiliare: offre alle famiglie in gravi difficoltà di tipo relazionale-educativo occasioni per l’individuazione attiva delle soluzioni, anche tramite il confronto di risposte già sperimentate da altre famiglie che hanno vissuto problematiche simili. Il lavoro è orientato a favorire i contatti e lo sviluppo di legami tra le famiglie, promuovere il comune impegno ad affrontare le difficoltà condivise, aiutare a pensare e sperimentare soluzioni nuove, migliorare i rapporti interni a ciascuna famiglia, imparando gli uni dagli altri secondo il principio del mutuo-aiuto. Per ottenere questi risultati l’intervento prevede che più famiglie siano contemporaneamente presenti in una struttura organizzata come un normale appartamento cercando di ricreare situazioni tipiche della vita quotidiana,  in cui ciascuno sia interessato e partecipe alle vicende degli altri e venga incoraggiato ad esprimere opinioni, commenti e proposte sul comportamento di tutti gli altri. La Terapia Multi Familiare, attivata al CBF dal 2004, si basa sul modello di Eia Asen del Centro Anna Freud di Londra, combinando i principi e le pratiche della terapia familiare sistemica con quelli della terapia di gruppo, e ha ottenuto un notevole riconoscimento per la sua efficacia.
  • Interventi clinici multifamiliari per coppie conflittuali in separazione: in questo percorso può essere utile confrontarsi con altre coppie che hanno deciso o stanno pensando ad una separazione, per condividere le difficoltà, imparare le loro strategie di gestione, definire insieme nuove modalità di rapporto tra gli adulti e tra loro e i bambini. Il gruppo di coppie si incontra con due terapeuti per otto incontri della durata di quatto ore ciascuno. Contemporaneamente il gruppo dei figli svolgerà attività creative con il supporto di professionisti. Si prevedono sia gruppi di coppie in crisi, sia gruppi di coppie separate - divorziate.
  • Interventi per disturbi post traumatici da stress: il Disturbo Post-Traumatico da stress può essere affrontato con una specifica tecnica d’intervento definita l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing). Si tratta di una procedura di esposizione immaginativa guidata e progressiva allo stimolo traumatico, focalizza il ricordo sugli aspetti più disturbanti del trauma con l’obiettivo di riorganizzare tale ricordo nella memoria e consentirne un’integrazione funzionale, capace cioè di non causare più disturbi.
  • Mediazione familiare: un intervento per genitori separati o in separazione con forti conflittualità, per aiutarli a gestire i figli minori e a confrontarsi sulle loro esigenze. Si lavora sul recupero delle capacità di comunicazione e collaborazione, in modo da definire o ridefinire accordi e prendere decisioni condivise. I genitori tornano così ad essere risorse l’uno per l’altro e per i figli. La mediazione familiare è riservata, protetta dal segreto professionale e del tutto autonoma dall’iter legale della separazione. Il mediatore non relaziona né rilascia alcuna valutazione scritta su ciò che è avvenuto nella stanza di mediazione, il suo compito non è quello di giudicare i genitori ma di fornire loro uno spazio di riflessione e confronto in cui, con il suo aiuto, possano raggiungere nuove modalità di interazione, senza istanze critiche o valutative. Si ricercano insieme soluzioni realistiche, accordi condivisi e duraturi che consentano a figli e genitori di vivere e crescere il più serenamente possibile e a padre e madre di svolgere responsabilmente il comune compito di genitori.
  • Valutazione e trattamento delle relazioni genitoriali: l'intervento è volto ad individuare le relazioni familiari non funzionali che hanno determinato condotte inadeguate per la crescita dei figli e a verificare la loro superabilità al fine di restituire, nel più breve lasso di tempo, al minore una famiglia con maggiori competenze. I colloqui psicologici (mediamente 6 incontri a cadenza quindicinale) sono focalizzati sulla ricostruzione delle dinamiche familiari che hanno determinato la situazione di maltrattamento al fine di verificare la capacità dei genitori di assumersene le responsabilità e tentare modalità più adeguate di comportamento.
  • Family Group Conference: il protocollo d’intervento delle Family Group Conferences è rivolto alle famiglie che si trovano in situazioni di gravi difficoltà relazionali con figli minori e si prefigge di facilitare l’emergere di soluzioni che nascono dalla famiglia stessa. Questo tipo d’intervento, che ha avuto origine in Nuova Zelanda e visto importanti sviluppi in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, parte dal presupposto che la famiglia ha la forza per cambiare e ha le potenzialità per trovare delle soluzioni alla propria situazione e lo può fare attraverso l’ascolto e il confronto tra gli stessi membri del gruppo famiglia.
  • NVR – Non Violent Resistance 
 
Servizi per bambini e ragazzi
Offriamo attività e servizi specialistici per bambini e ragazzi da 0 a 18 anni alle prese con varie difficoltà e problemi, da quelli legati alla normale evoluzione a quelli associabili ad eventi traumatici:
  • Valutazione psicologica: l’attività è finalizzata a conoscere lo stato psicologico del bambino abusato o maltrattato o per il quale c’è il sospetto di abuso o maltrattamento al fine di predisporre i più opportuni interventi di cura e di tutela.
  • Psicoterapia individuale: l’intervento affronta e cura gli effetti dell’abuso e del maltrattamento, ripercorrendo con i minori gli eventi traumatici offrendo uno spazio in cui possano esprimere liberamente i propri vissuti e sentimenti per poterli rielaborare.
  • Gruppi di parola: si tratta di un intervento in cui figli di coppie conflittuali che si stanno separando o già separate si ritrovano con altri coetanei che vivono le stesse difficoltà e, con l’aiuto di professionisti appositamente formati, hanno la possibilità di esprimere liberamente quanto vivono, senza timore di venire giudicati o di ferire i propri genitori. Questo li aiuta a superare la fase di passività, in cui subiscono ciò che accade, rendendoli soggetti attivi e capaci di convivere meglio con la complessità della propria famiglia.
  • Consulenza psicologica per adolescenti e ragazzi: il servizio si rivolge ai giovani adulti fino ai 25 anni, dolescenti e genitori con figli adolescenti in situazioni di sofferenza e di disagio
 
Servizi per operatori sociali, sanitari, educativi e del diritto
Gli operatori di varie discipline possono usufruire dei seguenti interventi di consulenza e di formazione utili all'espletamento del proprio lavoro:
  • Servizi di consulenza specialistica rivolta a quanti per ragioni professionali (servizi sociali, scuola, forze dell’ordine, medici) entrano in contatto con possibili situazioni di maltrattamento/abuso, e offre a operatori e professionisti di vari settori un confronto su possibili situazioni di abuso, maltrattamento ai danni di minori, che orienti verso i più opportuni interventi da attuare.
  • Interventi di psicologia giuridica – audizioni protette e incidenti probatori: ai minori vittime o testimoni di reati viene garantiamo uno spazio alternativo alle sedi giudiziarie, per rendere testimonianza quando sono coinvolti in un iter processuale. L'audizione protetta consente l'assunzione della testimonianza del minore garantendo condizioni (luogo a misura di minore, assistenza psicologica) che rendono l'incontro meno traumatico possibile.
  • Iniziative di sensibilizzazione e formazione: agli operatori che hanno a che fare con famiglie in difficoltà, e con bambini in particolare, sono offerte iniziative di formazione e sensibilizzazione sul tema delle violenze sui minori (per comprendere meglio le peculiarità del maltrattamento e la situazione che si viene a creare in un nucleo familiare che maltratta), delle problematiche della famiglia, dei possibili momenti critici vissuti da bambini e ragazzi.



Ultimo aggiornamento:
20 giugno 2018 15:30
Federica Belli - Ufficio comunicazione
ufficiostampa@asst-pg23.it