Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto


Richieste esterne di ricoveri programmabili solventi di cittadini extracomunitari residenti all'estero


La richiesta di ricovero e di preventivo vanno indirizzate a:
 
Dott. Mariangelo Cossolini
Staff della Direzione Sanitaria
Azienda Socio Sanitaria Territoriale Papa Giovanni XXIII
Piazza OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, 1
24127- Bergamo
E-mail: mcossolini@asst-pg23.it
Fax: +390352674971
 
 
La richiesta deve essere completa di:
  • relazione clinica
  • copia della pagina principale del passaporto del paziente
  • se il paziente è minore, copia della pagina principale del passaporto di chi lo accompagnerà in Italia
  • copia del documento d’identità della persona che si impegnerà a pagare, se diversa dal paziente
  • se la persona che pagherà ha il codice fiscale italiano, copia anche di questo
  • se il soggetto che pagherà è una persona giuridica, servono l’esatta denominazione sociale, la sede legale, il codice fiscale, la partita I.V.A. ove esistente;
  • indirizzi completi sia del paziente che della persona che pagherà
  • numero di telefono e o fax o indirizzo e-mail della persona che dovrà ricevere il preventivo.
La richiesta verrà inoltrata al nostro medico specialista, che fornirà i codici medici necessari a calcolare un preventivo, salvo conguaglio alla dimissione.
 
Quando perverrà la scheda di ricovero prevista, completa dei dati e dei documenti ivi indicati, l’Ufficio spedalità stranieri invierà il preventivo via fax o tramite e-mail al soggetto indicato per il pagamento, che dovrà rispondere sottoscrivendo l’impegno di spesa.
 
Ricevuto l’impegno di spesa, previa autorizzazione a procedere della Direzione Sanitaria, l'Unità Amministrazione, Finanza e Controllo emetterà la fattura d’acconto del 100% del costo preventivato per il ricovero.
 
Ricevuta copia della quietanza di pagamento della fattura, l’Ufficio spedalità stranieri preparerà la certificazione che sarà firmata dal Direttore Sanitario e corrisponde alla lettera d’invito necessaria ad ottenere il visto per cure mediche dalla competente Ambasciata.



Ultimo aggiornamento:
09 febbraio 2017 12:30
Federica Belli - Ufficio comunicazione
ufficiostampa@asst-pg23.it